Aliverti Redaelli
Carmeli Cremonesi
Avvocati Associati
+39.02.5455732

Applicazione tracciamento anti-contagio e rinvio della riforma intercettazioni

Nella giornata di ieri il Consiglio dei Ministri ha approvato un Decreto Legge con cui all’art. 6 ha introdotto l’istituzione di “una piattaforma per il tracciamento dei contatti stretti tra i soggetti che installino, su base volontaria, un’apposita applicazione per dispositivi di telefonia mobile” che sia “complementare rispetto alle ordinarie modalità già in uso da parte del Servizio sanitario nazionale”.
E’ stato stabilito che il Ministero adotterà misure tecniche e organizzative idonee a garantire un livello di sicurezza adeguato ai rischi elevati per i diritti e le libertà degli interessati, sentito il Garante per la protezione dei dati personali, assicurando, in particolare:
–  l’adozione di misure di sicurezza in tema di dati personali;
–  l’obbligo di preventiva informativa chiara e trasparente;
–  l’utilizzo dei dati per la sola finalità di evitare contatti con utenti positivi e assicurare assistenza sanitaria;
– l’anonimizzazione e pseudonimizzazione dei dati, con esclusione della geo-localizzazione dei singoli utenti;
– la riservatezza, l’integrità, la disponibilità e la resilienza dei sistemi e dei servizi di trattamento nonché misure adeguate ad evitare il rischio di reidentificazione degli interessati cui si riferiscono i dati pseudonimizzati oggetto di trattamento;
– conservazione per la sola durata stabilita dal Ministero della salute, con cancellazione automatica alla scadenza;
– divieto di utilizzo per finalità diverse, salvo l’utilizzo in forma aggregata e anonima;
– garanzia dei diritti fondamentali dei soggetti interessati in caso di mancato utilizzo dell’applicazione;
– la realizzazione della piattaforma con infrastrutture sul territorio nazionale e gestione da parte di enti pubblici o a partecipazione pubblica;
– l’interruzione dell’utilizzo della piattaforma e di ogni trattamento dei dati alla cessazione dello stato di emergenza e comunque non oltre il 31 dicembre 2020, con cancellazione o anonimizzazione dei dati a tale data.
Il medesimo Decreto ha anche, tra l’altro, stabilito che la nuova normativa in materia di intercettazioni si applicherà ai procedimenti penali iscritti successivamente al 31 agosto 2020, anziché, come attualmente previsto, a quelli iscritti dopo il 30 aprile 2020.
Scarica qui il comunicato stampa del Governo e il testo del decreto.

La navigazione in questo sito implica l’accettazione dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi