Aliverti Redaelli
Carmeli Cremonesi
Avvocati Associati
+39.02.5455732

Può costituire reato proiettare fasci luminosi nel cielo

inquinamento luminosoIn tema di inquinamento luminoso, la Sezione III Penale della S.C. di Cassazione, con sentenza 9353/2020 ha affermato che anche la proiezione verso l’alto, in plurime direzioni, di fasci di luce bianchi e colorati, in quanto idonea ad arrecare disturbo agli equilibrio dell’ecosistema, integra il reato di cui agli artt. 6 e 30 legge 394 del 1991, per la violazione delle misure di salvaguardia previste per le aree protette regionali.
Infatti, l’emissione di fonti luminose costituite da luci bianche e colorate che si alternavano, con la caratteristica che il fascio bianco veniva proiettato in varie direzioni, in alto e lateralmente, mentre le luci colorate lampeggiavano, accendendosi e spegnendosi alternatamente, è idonea a incidere tanto sulla morfologia del territorio quanto sugli equilibri ecologici dello stesso, provocando quelle che viene definito tecnicamente “inquinamento luminoso”.
Clicca qui per leggere il testo integrale della sentenza.

La navigazione in questo sito implica l’accettazione dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi